Festa della nostra parrocchia

Con il naso all’insù, come i bambini. Così abbiamo vissuto la festa della nostra parrocchia in questo strano anno di pandemia. Incantati dai fuochi d’artificio, ammirandoli noi in famiglia dalla terrazza condominiale, preziosa scoperta dell’era del lockdown. La nostra Maria si è fatta vicina, ha raggiunto le nostre case, a bordo di un camion scoperto. Madonna peregrina, madre dolcissima. Insieme in preghiera, chi dai balconi chi per strada, mascherati come tanti cowboy. Bambini e genitori, nonni e amici. Non abbiamo più vino vecchio, ma quello che ci viene dato senza nostro merito, per sola grazia, è davvero migliore. Non si perde nulla, tutto si trasforma e diventa luce e vita, come i fuochi nel cielo del nostro quartiere. Grazie.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *